Cos'è lo storage software-defined?

Lo storage software‑defined (SDS), come suggerisce il nome, è un sistema di storage che non si basa sull'hardware sottostante: la gestione dei dati viene invece affidata al software. Sebbene la maggior parte dei prodotti di storage richieda sia software che hardware per funzionare – con il software che funge da componente di gestione per controllare e monitorare le attività dell'hardware e dello storage – lo storage software‑defined è differente.

Come funziona lo storage software-defined (SDS)
Datacenter software-defined

Il termine ‘storage software‑defined’ indica prodotti eseguiti su hardware server di largo consumo, senza componenti hardware appositamente costruiti. Le soluzioni di storage software‑defined sono dunque più adatte per ridurre i costi rispetto ai prodotti di storage tradizionali basati sull'hardware. 

Astraendo le risorse dall'hardware, le aziende godono di maggiore flessibilità, prestazioni efficienti e scalabilità più semplice. In questo modo le risorse di storage si prestano meglio alla programmazione e diventano componenti chiave di un datacenter software‑driven. Di conseguenza, queste risorse sono molto più facili da automatizzare rispetto a quelle delle infrastrutture divise in silos.

Tipi di storage software-defined

‘Storage software-defined’ è un termine piuttosto generico: questo significa che identificare le tipologie di prodotti SDS può essere difficile. Esistono tuttavia diverse categorie generalmente riconosciute nel contesto dell'SDS.

Block, file e object storage

Questa categoria utilizza un cluster distribuito di server per supportare le tre principali varietà di soluzioni di storage: block, file e object. Oltre a un sistema di gestione unificato, questo metodo di storage consente alle aziende di utilizzare la metodologia che preferiscono.

Object scale-out

Questo sistema crea e assegna un identificatore univoco all'oggetto. Alcune soluzioni di object storage possono supportare anche l'accesso ai file, tra cui NFS e SMB.

Block scale-out

I prodotti di block storage raggruppano i nodi in un unico sistema utilizzando nodi server x86. In questo modo le aziende possono beneficiare di una comunicazione coerente tra i nodi. 

File scale-out

Questa è la prima categoria SDS e consente di creare condivisioni di file scale-out altamente disponibili da utilizzare con lo storage di applicazioni basato su file.

Virtualizzazione dello storage

Questo sistema parte dalle soluzioni di storage basate su hardware in diverse ubicazioni e crea un unico dispositivo di storage che può essere utilizzato e monitorato attraverso una singola piattaforma di gestione. 

Infrastruttura iperconvergente

Unendo server, reti di storage e array di storage separati in un cluster distribuito di risorse di elaborazione e storage in esecuzione su server di largo consumo, l'infrastruttura iperconvergente offre alle aziende un unico sistema semplificato per gestire e scalare le proprie esigenze di storage.

Come funziona lo storage software-defined?

La virtualizzazione dello storage è un elemento fondamentale affinché l'SDS funzioni. Viene utilizzata per separare l'hardware di storage e il software di gestione dello storage, che spesso include anche la gestione di diverse policy per la replica, le snapshot e i backup. Come accennato, l'SDS crea un “pool” virtuale consolidato per gli array di dischi di un'azienda. A quel punto vengono formati i dischi virtuali, che appaiono come LUN in un server host.

Perché c'è bisogno dello storage software‑defined?

I potenziali clienti dell'SDS sono in grado di cogliere subito i vantaggi implicati dall'adottare questa soluzione, ma è importante che le aziende mettano sul piatto della bilancia non solo i vantaggi dell'SDS, ma anche tutti i rischi associati al mantenimento di una strategia di storage basata su hardware obsoleto. 

Secondo IBM le aziende devono essere consapevoli del fatto che una soluzione di storage tradizionale comporta un “punto di rottura”. Stanno emergendo sempre più applicazioni complesse con requisiti specifici e l'enorme afflusso di dati sta mettendo sotto pressione lo storage tradizionale; inoltre stanno cambiando le aspettative su ciò che una strategia di storage può e deve fare. E sfortunatamente, nonostante la crescita delle esigenze, i budget aziendali sono sempre più ristretti. 

L'approccio tradizionale allo storage inizierà inevitabilmente a sgretolarsi sotto questo tipo di pressioni. Le aziende necessitano di una maggiore flessibilità rispetto a quella offerta dallo storage legacy. Anche se un'organizzazione aggiunge preventivamente capacità prima che le esigenze di storage lo richiedano, questo approccio non è né sostenibile né conveniente nel lungo periodo.

Perché le aziende scelgono lo storage software‑defined

Le aziende che hanno adottato l'SDS godono di notevoli vantaggi su tutti i fronti, dai costi alla scalabilità. Dal momento che l'SDS può essere utilizzato con un server x86, le aziende guadagnano una maggiore flessibilità quando si tratta di selezionare i responsabili IT, eliminare le criticità legate al lock-in con i vendor, e molto altro ancora.

Senza dubbio l'SDS è un'opzione di storage economica per le aziende che sperano di ridurre la loro spesa CapEx. Dato che l'SDS utilizza server x86, le aziende non devono affrontare le ingenti spese associate agli storage array SAN proprietari. 

La scelta di una soluzione software‑defined è inoltre un ottimo modo per fornire intelligenza centralizzata nel datacenter. Dal momento che l'SDS separa l'“intelligenza” – ossia il software – dai dispositivi fisici, le attività amministrative vengono ridotte e le aziende possono sfruttare policy automatizzate per il proprio piano di storage, il che permette loro di rispondere rapidamente al variare delle necessità di storage. 

I vantaggi dello storage software‑defined

I vantaggi dell'adozione dello storage software‑defined sono molteplici e spingono un numero sempre maggiore di aziende a scegliere un approccio allo storage indipendente dall'hardware. Grazie alla sua flessibilità nel fornire e integrare varie opzioni di storage dei dati, le aziende sono in grado finalmente non solo di archiviare i propri dati, ma anche di sfruttarli pienamente per ottenere insight migliori. 

Inoltre, grazie alle funzionalità di automazione, le organizzazioni possono godere di:

Provisioning più dinamico dello storage. L'SDS consente ai carichi di lavoro e allo storage di lavorare in modo coeso, permettendo allo storage di scalare man mano che le capacità dei carichi di lavoro cambiano.

Utilizzo intelligente dello storage. L'SDS è una soluzione flessibile che supporta sia i nuovi modelli di consumo IT che quelli legacy. Indipendentemente dal tipo di infrastruttura utilizzata da un'organizzazione, l'SDS favorisce l'agilità tra cloud, dispositivi mobili e non solo.

Miglior controllo. I requisiti aziendali cambiano quotidianamente e l'SDS garantisce alle aziende il controllo necessario per soddisfarli. È in grado di ottimizzare le funzionalità dell'infrastruttura per soddisfare gli standard di storage.

Scaling rapido. Man mano che le esigenze di storage crescono, le aziende possono sfruttare la capacità su più livelli dell'SDS per eseguire il provisioning dello storage on‑demand. 

Aziende che utilizzano lo storage software-defined

Edmonds Community College sceglie Nutanix

“Il supporto di Nutanix è lo standard di riferimento per qualsiasi supporto in ambito tecnologico che utilizziamo. È nettamente superiore a qualsiasi alternativa”.

Automotive Data Solutions sceglie l'SDS Nutanix

“... È il data fabric scalabile più innovativo per lo storage, l'elaborazione e la virtualizzazione attualmente disponibile sul mercato”.

Regina Catholic School Division soluzione 3-tier Nutanix

“Con la nostra soluzione 3-tier non ci saremmo potuti permettere tutto l'hardware necessario per disporre di storage su disco ed elaborazione off-site in un secondo datacenter”.

Nuovo storage per Pusateri’s Fine Foods dopo un incendio

“... La soluzione iperconvergente non solo ci ha garantito prestazioni più elevate, ma ci ha permesso risparmi del 25-40% rispetto alla soluzione con storage 3-tier, server e VMware vSphere”.

Ontario Universities’ Application Centre sceglie l'Enterprise Cloud Nutanix

“Abbiamo cominciato il nostro progetto di aggiornamento come una ‘avventura di sostituzione dello storage’, ma quando abbiamo iniziato a valutare ciò che Nutanix aveva da offrire, abbiamo realizzato che la Enterprise Cloud Platform faceva proprio al caso nostro”.

Canadian Solar Solutions – soluzione storage e server

“Se siete alla ricerca di una soluzione di storage e server semplice ma potente, questa è LA soluzione...”.

Risorse correlate

Lo storage software‑defined for Dummies

Le considerazioni principali sullo storage per i dati non strutturati

In primavera il pensiero va allo storage software-defined

Storage software-defined: il nostro punto di vista

8 Tendenze che plasmano l'infrastruttura IT odierna

Scopri di più sull'automazione cloud

Iniziamo!

Programma una demo personalizzata con un consulente e scopri come Nutanix Enterprise Cloud può trasformare la tua azienda.