Cos'è la virtualizzazione?

La virtualizzazione, come suggerisce il nome, crea una versione virtuale di un elemento che prima era fisico. Tra gli elementi che vengono virtualizzati più comunemente in un datacenter ci sono sistemi operativi, server, desktop e dispositivi di storage. Con la virtualizzazione, tecnologie quali applicazioni e sistemi operativi vengono separate dall'hardware o dal software sottostante. La virtualizzazione dell'hardware coinvolge le macchine virtuali (VM), che sostituiscono un computer “reale” con un sistema operativo “reale”.

Una spiegazione della virtualizzazione

L'evoluzione della virtualizzazione

La virtualizzazione dei sistemi operativi (OS) è nata decenni fa. In questa forma, il software viene utilizzato per consentire all'hardware di eseguire più sistemi operativi contemporaneamente. Questa tecnologia, nata sui mainframe, ha permesso agli amministratori IT di risparmiare evitando di utilizzare troppa potenza di calcolo.

A partire dagli anni '60, la virtualizzazione e le macchine virtuali (VM) hanno iniziato a interessare solo un paio di mainframe, che erano macchine grandi e goffe con funzionalità di time-sharing che permettevano l'uso simultaneo da parte di più utenti. Tra queste macchine c'era l'IBM 360/67, che è diventata una pietra miliare dei mainframe durante gli anni '70. Da lì a poco le VM sono poi passate ai personal computer negli anni '80.

Ma l'adozione diffusa della virtualizzazione è iniziata solo a cavallo degli anni '80 e '90. Sebbene alcune VM analoghe a quelle presenti sui mainframe IBM siano utilizzate ancora oggi, non sono affatto diffuse e poche aziende considerano i mainframe un punto di riferimento aziendale. La prima azienda a far crescere la diffusione delle VM è stata Insignia Solutions con la creazione di SoftPC, un emulatore software basato su x86. Questo successo ha spinto altre organizzazioni – in particolare Apple, Nutanix e più tardi Citrix – a sviluppare i propri prodotti di virtualizzazione. 

L'evoluzione delle tecnologie di virtualizzazione

Come funziona la virtualizzazione?

Uno dei motivi principali per cui le aziende utilizzano tecnologie di virtualizzazione è la virtualizzazione dei server, che utilizza un hypervisor per “duplicare” l'hardware sottostante. In un ambiente non virtualizzato, il sistema operativo (OS) guest funziona normalmente insieme all'hardware. Quando viene virtualizzato, il sistema operativo funziona ancora come se fosse su hardware, consentendo alle aziende di godere di gran parte delle prestazioni che si aspettano senza bisogno di nuovo hardware. Per quanto le prestazioni hardware e le prestazioni virtualizzate non siano sempre equivalenti, la virtualizzazione funziona comunque ed è preferibile, perché la maggior parte dei sistemi operativi guest non richiede un accesso completo all'hardware.

Di conseguenza, le aziende possono godere di una maggiore flessibilità e di un maggior controllo ed eliminare qualsiasi dipendenza da un singolo hardware. Grazie al successo ottenuto dalla virtualizzazione dei server, la virtualizzazione si è diffusa in altre aree del datacenter, tra cui applicazioni, reti, dati e desktop.

I vantaggi della virtualizzazione

In parole povere, le soluzioni di virtualizzazione semplificano il datacenter aziendale. Queste soluzioni eliminano le complessità legate all'implementazione e all'amministrazione di una soluzione virtualizzata, fornendo allo stesso tempo la flessibilità indispensabile nel datacenter moderno.

Per non parlare del fatto che la virtualizzazione può contribuire a creare un ambiente IT più ecologico, grazie alla riduzione dei costi di alimentazione, raffreddamento e hardware. Ma i risparmi sui costi non sono l'unico vantaggio delle soluzioni virtualizzate. Ecco altri motivi per cui le aziende stanno abbracciando la virtualizzazione:

La virtualizzazione riduce al minimo la quantità di server di cui un'organizzazione ha bisogno, consentendo di ridurre l'accumulo di calore associato a un datacenter con molti server. Con la riduzione del “disordine” fisico nel tuo datacenter, potrai risparmiare denaro e smettere di preoccuparti di come dissipare il calore. 

Quando si tratta di risparmiare denaro, il segreto è ridurre al minimo l'hardware. Con la virtualizzazione, le organizzazioni possono ridurre l'utilizzo di hardware e, sopratutto, ridurre la manutenzione, i downtime e l'elettricità nel corso del tempo. 

La virtualizzazione rende la reimplementazione di un nuovo server semplice e veloce. Se un server dovesse guastarsi irrimediabilmente, le snapshot delle macchine virtuali sono in grado di venire in soccorso in pochi minuti.

I backup sono molto più semplici con la virtualizzazione. La tua macchina virtuale può effettuare backup ed eseguire snapshot 24 ore su 24, in modo da avere sempre a disposizione i dati più aggiornati. Inoltre, puoi spostare le VM tra i server e reimplementarle più rapidamente.

Man mano che virtualizzi il tuo datacenter, ne riduci inevitabilmente il footprint – e il tuo carbon footprint nel complesso. Oltre a fare del bene al pianeta, la riduzione del footprint del datacenter riduce drasticamente i costi per l'hardware, l'alimentazione e il raffreddamento.

È molto meglio testare e ritestare in un ambiente virtualizzato, anziché in uno basato sull'hardware. Dal momento che le VM conservano le snapshot, puoi ritornare alla situazione precedente della tua VM in caso di errori.

La virtualizzazione fornisce un layer di astrazione tra software e hardware. In altre parole, le VM sono indipendenti dall'hardware e puoi eseguire qualsiasi macchina su qualsiasi hardware. Di conseguenza, non sei vincolato a nessun vendor.

Quando il datacenter si basa su istanze virtuali, il disaster recovery è molto meno oneroso e i downtime diventano molto più brevi e meno frequenti. Puoi utilizzare le snapshot recenti per rendere operative le VM, oppure scegliere di spostare le macchine altrove.

La virtualizzazione può contribuire a “cloudificare” il tuo datacenter. Un ambiente interamente o per la maggior parte virtualizzato imita un ambiente cloud, preparandoti per il passaggio al cloud vero e proprio. Inoltre, puoi scegliere di implementare le tue VM nel cloud. 

Perché le organizzazioni dovrebbero scegliere la virtualizzazione?

Le organizzazioni che sperano di ottenere un ambiente IT quanto più simile al cloud dovranno prima occuparsi della virtualizzazione. La virtualizzazione del datacenter consente di utilizzare le risorse server in modo molto più efficiente. In passato, le aziende dovevano dedicare un singolo server a ciascuna applicazione (per esempio l'email). In questi casi, le aziende si trovavano o ad accumulare più server per utilizzare più applicazioni, o ad affrontare un problema completamente diverso: il sottoutilizzo delle risorse su un intero server.

In entrambi i casi si trattava di un approccio antieconomico, ingombrante e inefficiente. Grazie alle soluzioni virtuali, i team IT possono eseguire più applicazioni, carichi di lavoro e sistemi operativi su una sola macchina virtuale, e le risorse possono essere aggiunte e rimosse secondo necessità. La virtualizzazione scala facilmente con l'azienda. Man mano che la domanda cresce o diminuisce, la virtualizzazione aiuta le organizzazioni a utilizzare le risorse nel migliore dei modi e a rispondere più rapidamente ai cambiamenti.

Aziende che utilizzano la virtualizzazione

JetBlue Airways utilizza la virtualizzazione

“Una volta toccati con mano i vantaggi dei desktop virtuali su Nutanix, tutti hanno voluto utilizzarli. È bello ricevere così tanti complimenti”. 

La soluzione di virtualizzazione di Mauritius Union Group

 “Grazie alla Metro Availability di Nutanix possiamo utilizzare un'unica soluzione per la replica box-to-box dello storage e delle VM, al contrario dei mille prodotti che dovevamo utilizzare in passato”.

La virtualizzazione di Gainesville con Nutanix Enterprise Cloud

La città di Gainesville, Georgia, ha aggiornato il proprio datacenter dall'infrastruttura 3-tier a Nutanix Enterprise Cloud. La gestione semplificata e le prestazioni più elevate hanno migliorato tutti i servizi cittadini. 

L'ambiente virtuale di Kindred Credit Union

Kindred ha trasferito il 98% del suo ambiente virtuale su Nutanix e sta convertendo i server legacy per usarli come sito remoto di disaster recovery.

Kasetsart University crea macchine virtuali

”Negli ultimi due anni, la facoltà è riuscita a integrare i propri sistemi e a creare un numero illimitato di macchine virtuali”.

Ulteriori letture sulla virtualizzazione

Stai ancora pagando per la virtualizzazione?

Soluzioni di virtualizzazione per il cloud aziendale

La virtualizzazione di nuova generazione: il datacenter convergente

Sei ancora legato ai vecchi metodi di virtualizzazione?

Nutanix AHV: virtualizzazione integrata di livello enterprise

Report di IDC: confronto del TCO e del ROI

Scopri cosa può fare la virtualizzazione per te

Iniziamo!

Programma una demo personalizzata con un consulente e scopri come Nutanix Enterprise Cloud può trasformare la tua azienda.